Veicoli elettrici - mobilità - tecnologie - ambiente - energia rinnovabile. L'esaurimento delle risorse e le conseguenti ripercussioni politiche ed economiche rendono necessario ridurre la dipendenza dall'importazione di prodotti petroliferi e spingere quindi verso lo sviluppo di fonti energetiche alternative. I veicoli elettrici possono utilizzare tecnologie e risorse nel modo più efficiente.


venerdì 1 luglio 2016

Boom in agricoltura spinge lavoro al sud , +3,3%

La Coldiretti, con un articolo nel suo sito web, ci informa che il lavoro agricolo nel sud cresce, insieme al Pil, di un buon +3,3%. ​Crescono del 3,3% gli occupati in agricoltura nel mezzogiorno nel 2015 sotto la spinta dell’aumento record del valore aggiunto agricolo (+7,3%). È quanto emerge da una analisi della Coldiretti sui dati Istat dai quali si evidenzia che l’agricoltura è il settore più dinamico che traina la ripresa del mezzogiorno e nel resto d'Italia. L'occupazione nei campi cresce infatti a livello nazionale del 2,2% perché – sottolinea la Coldiretti - l'agricoltura italiana ha prodotto nel 2015 il valore aggiunto più elevato d'Europa grazie ad un incremento del 3,8%. La rinnovata centralità acquisita dal settore è confermata dal fatto che il valore aggiunto – precisa la Coldiretti - cresce in agricoltura quasi il triplo dell'industria (1,3%) e quasi 4 volte quello del commercio (+0,8%) contribuendo alla crescita prodotto interno lordo dello 0,8% nel 2015. Il modello produttivo dell’agricoltura italiana – spiega la Coldiretti - è campione anche nella produzione di valore aggiunto per ettaro che è più del doppio della media UE-27, il triplo del Regno Unito, il doppio di Spagna e Germania, e il 70% in più dei cugini francesi. Un primato - sostiene la Coldiretti - messo a rischio nel 2016 dal calo dei prezzi riconosciuti agli agricoltori che per molte produzioni non riesce neanche a coprire i costi a causa delle distorsioni nella filiera che sottopagano il lavoro agricolo. La campagna italiana è diventata la più green d'Europa con il maggior numero di certificazioni alimentari a livello comunitario per prodotti a denominazione di origine Dop/Igp, la leadership nel numero di imprese che coltivano biologico ma anche la minor incidenza di prodotti agroalimentari con residui chimici fuori norma e la decisione di non coltivare organismi geneticamente modificati.


MondoElettrico è anche su   

.

giovedì 30 giugno 2016

Le autostrade italiane a Marzo

I dati rilevati a marzo confermano il proseguimento del positivo trend di traffico in atto per ambedue le componenti veicolari. Nello specifico, soprattutto i flussi relativi al comparto leggero – grazie anche al periodo di festività pasquali cadute verso la fine del mese che hanno aumentato di molto l’affluenza lungo le autostrade – hanno mostrato un robusto incremento pari a quasi undici punti e mezzo percentuale se comparati con l’anno passato, ed a raggiungere uno dei risultati migliori degli ultimi tempi; performance più che favorevole anche per i veicoli pesanti che si attestano su un +3,9%, mentre il dato combinato, trainato dal picco del comparto leggero, ha permesso di ottenere un valore estremamente buono (+9,5%) sul valore relativo al traffico totale mensile.
Per quanto riguarda il cumulato da inizio anno, si è raggiunto un numero complessivo di veicoli-km percorsi sulla rete di oltre diciassette miliardi e settecento milioni, con uno scarto del +7,8% in confronto a quanto ottenuto alla fine del terzo trimestre dell’esercizio 2015.

Passando infine alla materia della sicurezza stradale, sebbene ad una diminuzione del tasso inerente il numero di eventi occorsi abbia fatto da contraltare un lieve aumento di quelli legati alla gravità degli eventi stessi, con indici apparentemente degni di nota, tuttavia l’esiguità dei numeri reali in questione (soprattutto per quanto concerne la mortalità dove si parla di valori assoluti veramente minimi) deve da un lato portare a considerare tali differenze come fluttuazioni fisiologiche della circolazione stradale e dall’altro lato deve indurre a ridimensionare il significato assunto dai tassi percentuale, che se presi singolarmente possono restituire grandezze fuorvianti rispetto alla reale entità del fenomeno.

I nostri grafici.

 Qui di seguito i nostri grafici a cominciare dal traffico con il numero in milioni veicoli-km dei veicoli leggeri...



 ... e si prosegue con dal traffico in milioni veicoli-km dei veicoli pesanti...



 Per finire col totale della somma leggeri e pesanti.



 Ancora più significativo tra i segnali economici è l'andamento definito dal grafico che prende in considerazione la somma dei 12 mesi precedenti al mese considerato, relativo al traffico dei mezzi pesanti destinati al trasporto delle merci e quindi 'profetico' di parte della ricchezza nazionale. Il traffico a marzo è salito quasi del 4% come abbiamo letto sopra. Non è che si trasportano in su e in giù bottiglie di acqua minerale?




MondoElettrico è anche su   

.

mercoledì 29 giugno 2016

Le immatricolazioni di auto elettriche negli Stati Uniti a Maggio

Gran parte del mese di Maggio è trascorso, solo ora pubblichiamo il post relativo  alle immatricolazioni statunitensi delle auto elettriche e ibride, insieme ai i nostri grafici, perché solo ieri sono stati forniti i dati nel sito internet della EDTA, l'Associazione statunitense dei veicoli elettrici.  Tutto sommato sono dati buoni ma non straordinari, tengono particolarmente le auto elettriche pure e le auto range estended, cedono un po' le ibride.
Nei primi cinque mesi si è stabilizzato il rapporto tra le auto elettriche e ibride con le auto ad alimentazione tradizionale al 2,7%. Ricordiamo che la percentuale italiana. Abbiamo visto qualche giorno fa che la percentuale italiana e del 2%.

I nostri grafici

Ricordiamo che negli USA si usa una classificazione ben precisa in base alle caratteristiche tecniche dei veicoli elettrici suddividendo le auto che hanno un motore elettrico di trazione da quelle che abbinano un motore termico ad uno di supporto parziale o alternativo. Ecco i dati ufficiali relativi al mese di Febbraio secondo le categorie ben precise: le auto elettriche pure, le elettriche a percorrenza estesa e le auto ibride.

Seguono qui i nostri grafici esplicativi suddivisi per categorie delle auto elettriche secondo gli anni solari a partire dal 2010 fino ad oggi considerando le immatricolazioni mensili.

Sono state vendute e quindi immatricolate negli USA ad Aprile 2016:

  30.573 auto ibride (HEV)
 
 

 5.619 auto a percorrenza estesa (EREV)



 6.526 auto elettriche pure a batteria (BEV)



 
  per un totale, relativamente al mese di Aprile, di 42.718 auto elettriche tra EREV e BEV



 La progressione mensile dal Gennaio 2010 fa sì che si siano raggiunte le 2.899.130  unità immatricolate.


Stabile, dicevamo, l'introduzione delle auto elettriche/ibride col 2,70 % su 7.0154.27 auto immatricolate nei primi 5 mesi del 2016.



MondoElettrico è anche su   

.

martedì 28 giugno 2016

E' morto il padre del motore ad aria, Guy Nègre

Qualcuno potrebbe pensare che con lui, Guy Nègre (1941-2016), scomparso da poche ore, sia morto definitivamente (e con merito) anche il motore ad aria, che l'ideatore ha cercato di far funzionare senza mai riuscirci concretamente e utilmente. No, questo progetto che pare essere il buco nell'acqua più longevo di tutti, rinasce dalle sue ceneri, imperturpabilmente.

Un'altra chance sembra presentarsi negli Usa dove Zero Pollution Motors (ZPM), il licenziatario degli Stati Uniti della sede della MDI del Lussemburgo, sta lavorando per lanciare la produzione statunitense di questi veicoli ad aria, AirPod.

Vogliamo fargli gli auguri? Fatelo Voi, se volete, io non ho il coraggio.

MondoElettrico è anche su   

.

lunedì 27 giugno 2016

Un video 'informale' del nuovo furgone elettrico

video


In anteprime un video non ufficiale del furgone 3,5 tonnellate. Ricorderete che abbiamo già trattato l'argomento in un post precedente illustrando alcune caratteristiche salienti del furgone. La bassa qualità del video è ovviamente non casuale.

Punti chiave distintivi
•Veicolo 35q (patente B)
•2,8 Km/kWh
•Performance speculari alla
motorizzazione Diesel
•Nessuna modifica al veicolo originale
•Gestione da remoto delle batterie GPS– GSM
•130 Km di Autonomia con soli 48kWh di
Batterie
•Manutenzione semplice e sicura grazie alle basse tensioni di funzionamento
Vantaggi
•Efficienza di funzionamento > 93%
•Thermal Management selettivo brevettato
•Alte potenze a tensioni estremamente ridotte (<110vdc br="">•Elevato rapporto peso potenza fino 3kW/kg
•Scalabilità delle potenze da 30 – 250 kW
•Affidabilità e sicurezza
•Costi costruttivi e di impianto contenuti
•Elevata flessibilità


MondoElettrico è anche su   

.

venerdì 24 giugno 2016

In Svezia inaugurata la prima strada elettrica

Il 22 giugno, la Svezia è diventata uno dei primi paesi al mondo a testare trasporti pesanti su strade pubbliche con l'inaugurazione della tratta  E16 in Sandviken.
Le strade elettriche ci porteranno ad un passo dal raggiungimento dell'obiettivo di bandire i trasporti basati sui combustibili fossili e per raggiungere le  zero emissioni di anidride carbonica. Questo è un modo per  sviluppare trasporti intelligenti per salvaguardare l'ambiente usando la rete stradale esistente. Potrebbe essere un buon integratore tra la rete stradale e la ferroviaria di oggi, dice Lena Erixon, direttore generale della Trafikverket.
Le tecnologie per strade elettriche si sono sviluppate rapidamente negli ultimi anni, e alcune sono ora abbastanza mature da essere testate. L'anno scorso, la Swedish Transport Administration, insiem a Vinnova e l'Agenzia Svedese per l'Energia, ha deciso di dare sostegno ai due impianti di prova. I due sistemi si differenziano soprattutto su come l'energia elettrica viene trasferita ai veicoli pesanti. Il test sulla E16 in Sandviken, nella regione Gävleborg,  comporta l'utilizzo di un collettore di corrente piazzato sul tetto della cabina del camion convogliando la corrente ad un motore elettrico ibrido nel camion. Fuori Arlanda, la società consortile eRoadArlanda, metterà alla prova una tecnologia che nella carreggiata permetterà  di ricaricare il veicolo durante il suo viaggio. Per il momento, il lavoro si svolgerà su una strada chiusa al traffico normale, ma il piano vuole portare a dimostrare che la tecnologia è adatta ad essere immessa nel flusso stradale ordinario, già nel prossimo anno.
 I test proseguiranno per tutto il 2018. Essi forniranno conoscenza di come far  funzionare le strade elettriche nella pratica, e se la tecnologia potrà essere utilizzata in futuro. L'esperimento si basa sull'obiettivo postosi dal governo sull'efficienza energetica e un free-combustibili fossili flotta di veicoli entro il 2030, e contribuirà a rafforzare la competitività della Svezia.

Il tratto di prova sulla E16 è lungo due chilometri. La tecnologia è simile a quella metropolitana leggera, ovvero filobus, con linee di contatto a 5,4 metri sopra la carreggiata. Il veicolo ha un conduttore di corrente continua sul tetto a 750 volt. Il conduttore di corrente è in grado di connettersi automaticamente fino alla  velocità di 90 km / h. Il tratto di prova è dotata di palòi di sostegno della bifilare posti a 60 metri l'uno dall'altro che reggono le linee elettriche. In una zona di riposo, vi è un trasformatore in corrente continua a bassa tensione dello stesso tipo come nella rete metropolitana leggera. Il traffico normale sulla strada non sarà influenzato.

La storia del 'filocarro'

MondoElettrico è anche su   

.

giovedì 23 giugno 2016

Fatturato e ordinativi dell’industria ad aprile

Ad aprile, rispetto al mese precedente, nell'industria si rileva un incremento sia per il fatturato (+2,1%), sia per gli ordinativi (+1,0%).

L'aumento del fatturato è trainato dalla significativa crescita del mercato interno (+3,1%), mentre si rileva una sostanziale stabilità di quello estero (+0,2%). La crescita degli ordinativi è sintesi di una flessione sul mercato interno (-3,9%) e di un deciso incremento su quello estero (+8,1%).

Nella media degli ultimi tre mesi, l'indice complessivo del fatturato mostra una leggera flessione (-0,2%) rispetto ai tre mesi precedenti (-0,3% per il fatturato interno e -0,1% per quello estero). Al netto dell'energia si rileva un incremento dello 0,5%.

Corretto per gli effetti di calendario (i giorni lavorativi sono stati 20 contro i 21 di aprile 2015), il fatturato totale registra in termini tendenziali una variazione positiva dello 0,1% (+0,1% sul mercato interno e -0,1% su quello estero).

Gli indici destagionalizzati del fatturato segnano incrementi congiunturali per l'energia (+10,0%), i beni intermedi (+1,8%), i beni strumentali e i beni di consumo (+1,4% per entrambi).

L'indice grezzo del fatturato cala, in termini tendenziali, del 3,0%: il contributo più ampio a tale flessione viene dalla componente interna dell'energia.

Per il fatturato l'incremento tendenziale più rilevante si registra nelle altre industrie manifatturiere (+9,1%), mentre la maggiore diminuzione riguarda la fabbricazione di coke e prodotti petroliferi raffinati (-20,2%).

Nel confronto con il mese di aprile 2015, l'indice grezzo degli ordinativi segna un calo dell'11,3%. La flessione maggiore si osserva nella fabbricazione di mezzi di trasporto (-29,4%), dovuta al comparto degli altri mezzi di trasporto.


I nostri grafici con i dati forniti dall'Istat.






MondoElettrico è anche su   

.

mercoledì 22 giugno 2016

I consumi dei carburanti derivati dal petrolio a Maggio

I consumi di petrolio a Maggio sono aumentati del  3,5%, come abbiamo visto nel post di qualche giorno fa, riportando il comunicato stampa dell'Unione Petrolifera.
Parimenti si è visto un incremento del consumo dei carburanti  per autotrazione derivati dal petrolio con la benzina che è aumentata del 1,2%, del gasolio con un +3,1% e, conseguentemente,  è positivo nell'insieme il consumo gasolio più benzina 2,6%.
Nei primi cinque mesi del 2016 i consumi di benzina hanno mostrato una flessione dell’1,1%, il gasolio un incremento dello 0,8%.
Nei primi cinque mesi del 2016 la somma dei carburanti (benzina + gasolio), pari a circa 12,5 milioni di tonnellate, evidenzia un incremento dello 0,3% .

Qui di seguito vediamo i nostri grafici preparati grazie ai dati forniti dal Ministero dello Sviluppo Economico offrono una visione d'insieme della situazione riguardante il consumo di benzina e gasolio da trazione.


Il consumo dei carburanti per autotrazione

Vediamo i grafici da noi realizzati per anno solare a partire dal 2007.

I consumi di benzina di Maggio, continuano ad essere in linea con i consumi degli ultimi anni, cioè ai livelli più bassi da  10 anni a questa parte ...


... mentre il consumo di gasolio non brilla affatto.



Qui sotto vediamo l'andamento dei mesi negli anni solari per il gasolio più la benzina, siamo al secondo livello più basso.



Adesso vediamo i grafici che prendono in considerazione i consumi sommando i 12 mesi precedenti al mese di riferimento. Non fanno altro che confermare quanto detto sopra.

Per la benzina, che conferma la caduta dei consumi sia pure frenando il ruzzolone..



... il gasolio, titubante, ma accenna a crescere.


Il grafico della benzina + gasolio delinea non più una curva ma ultimamente è una retta quasi orizzontale.


Diamo un'occhiata anche al consumo del Gpl da trazione essendo anch'esso un derivato del petrolio.



Cresce dell' 8,3% a Maggio, registra una stabilizzazione nella sommatoria dei 12 mesi precedenti incrementando le vendite. Il peso che ha questo gas nella considerazione dei possessori di veicoli alimentati a gpl è misurato in 143 mila tonnellate, cioè un'inezia se confrontato al consumo dei carburanti tradizionali, 654.000 della  benzina e 1.971.000 del gasolio.


MondoElettrico è anche su   

.

martedì 21 giugno 2016

Il trenino su gomma è elettrico

Quante volte abbiamo preso il trenino su gomma nelle città balneari e nei parchi ... per accontentare i nostri figli. Rigorosamente trascinato con un motore diesel porta con sè grandi e piccini. Ma perchè il motore diesel? Un bel motore elettrico non allieterebbe di più i grandi e i piccini? Oggi non è un sogno, è realtà. Il trenino su gomma è elettrico.
Grazie alla progettazione della motrice ottimizzata per l'uso esclusivo con motorizzazione elettrica si è raggiunta un'alta efficienza energetica cioè riduzione dei consumi elettrici.
Il Sistema di sterzatura obbligata sulle 4 ruote, consente a tutte le carrozze di seguire esattamente il percorso della motrice. Questo sistema rende il veicolo particolarmente agile nelle strade strette dei centri storici.
Alcune caratteristiche.
2 motori elettrici di 15 Kw AC 96 Volt . Batteria Piombo Acido 96 V 640 A con Sistema di Sostituzione Rapida (opzional Litio-ferro-fosfato, LiFePO4). Carica batterie 96 V 120 A. Autonomia 5 ore in percorso misto - 7 ore in pianura. Pendenza superabile 15/20%. Luci Stradali Omologate.Luci Freni e Stazionamento. Luci di emergenza. Made in Italy.

Per informazioni cliccate qui.

MondoElettrico è anche su   

.

lunedì 20 giugno 2016

I consumi petroliferi maggio 2016

Stando a dati ancora provvisori, nel mese di maggio 2016 i consumi petroliferi italiani sono ammontati a circa 5,1 milioni di tonnellate, con un incremento pari al 3,5% (+173.000 tonnellate) rispetto allo stesso mese del 2015.

In particolare, la domanda totale di carburanti (benzina + gasolio) nel mese di maggio è risultata pari a circa 2,6 milioni di tonnellate, di cui 0,6 milioni di tonnellate di benzina e 2 milioni di gasolio, con un incremento del 2,6% (+67.000 tonnellate) rispetto allo stesso mese del 2015.

I prodotti autotrazione, con due giorni di consegna in più, hanno rilevato le seguenti dinamiche: la benzina nel complesso ha mostrato un incremento dell’1,2% (+8.000 tonnellate) rispetto a maggio 2015, mentre il gasolio autotrazione del 3,1% (+59.000 tonnellate).

Le vendite sulla rete di benzina e gasolio nel mese di maggio hanno segnato rispettivamente un incremento del 2,6% e del 5,8%.

Nel mese considerato le immatricolazioni di autovetture nuove sono aumentate del 27,4%, con quelle diesel che hanno rappresentato il 57% del totale (era il 55,4% nel maggio 2015), mentre quelle di benzina il 33,5%.

Quanto alle altre alimentazioni, nel mese considerato, il peso delle ibride è stato pari all’1,9%, mentre quello delle elettriche non arriva allo 0,1%.

Nei primi cinque mesi del 2016 i consumi sono stati invece pari a circa 24,1 milioni di tonnellate, con un incremento dell’1,1% (+252.000 tonnellate) rispetto allo stesso periodo del 2015.

La benzina, nel periodo considerato, ha mostrato una flessione dell’1,1% (-33.000 tonnellate), il gasolio un incremento dello 0,8% (+71.000 tonnellate).

Nei primi cinque mesi del 2016 la somma dei soli carburanti (benzina + gasolio), pari a circa 12,5 milioni di tonnellate, evidenzia un incremento dello 0,3% (+38.000 tonnellate).

Nei primi cinque mesi del 2016 le vendite sulla rete di benzina e gasolio hanno segnato rispettivamente un incremento dello 0,4% e del 3,4%.

Nello stesso periodo le nuove immatricolazioni di autovetture sono risultate in crescita del 20,5%, con quelle diesel a coprire il 55,4% del totale, mentre quelle di benzina il 34,1% (oltre 3 punti in più rispetto all’anno precedente).

Nei primi cinque mesi del 2016, le auto ibride hanno coperto l’1,9% delle nuove immatricolazioni, mentre le elettriche si confermano allo 0,1%.

 Comunicato Stampa Unione Petrolifera


Qui di seguito sono i nostri grafici preparati grazie ai dati forniti dal Ministero dello Sviluppo Economico.

Il petrolio

Il grafico con i consumi di petrolio per anno solare. Si nota una crescita nel terzo, ma è superiore solo agli ultimi due anni.



Il grafico dei consumi con i mesi in sequenza dal Gennaio 2006.

Il grafico seguente è relativo ai consumi sommando i 12 mesi precedenti al mese di riferimento a partire dal dicembre 2006. La risalita è evidente come pure la stabilizzazione negli ultimissimi mesi.

Il grafico delle percentuali mese su mese dell'anno precedente dal Gennaio 2006. Ultimamente predomina il segno positivo.


Prossimamente osserveremo graficamente il consumo dei carburanti.




MondoElettrico è anche su   

.

giovedì 16 giugno 2016

Le rinnovabili e la produzione nazionale di energia elettrica a Maggio

Qualche giorno fa abbiamo visto i consumi di energia elettrica in Italia a Maggio, oggi portiamo a termine l'argomento trattando la produzione nazionale di energia elettrica e l'analisi delle rinnovabili nel contesto produttivo.

Prima di tutto rileggiamo il comunicato stampa di Terna per la produzione nazionale .

Nel mese di Maggio 2016 la domanda di energia elettrica è stata soddisfatta per l’87,2% con produzione nazionale e per la quota restante (12,8%) dal saldo dell'energia scambiata con l'estero. In dettaglio, la produzione nazionale netta (21,7 miliardi di kWh) è in flessione del 3,4% rispetto a maggio 2015.
In crescita le fonti di produzione termoelettrica (+0,2%), geotermica (+0,6%) ed eolica (+33,1%),
in calo le fonti idrica (-18,3%) e fotovoltaica (-10%).



I nostri grafici

Per aiutarci nella comprensione con un semplice sguardo abbiamo realizzato come al solito, alcuni grafici.

La produzione nazionale dal 2009

per anno solare si vede che siamo quasi al livello più basso, quantitativamente.



... e in sequenza mensile.



Il grafico seguente rappresenta l'andamento della produzione nazionale come sommatoria dei 12 mesi precedenti alla rilevazione del mese di riferimento. Piuttosto stabile.





Adesso prendiamo in considerazione le singole componenti delle rinnovabili.

La produzione fotovoltaica negli ultimi anni suddivisa per anno solare.



La produzione eolica negli ultimi anni suddivisa per anno solare.



Il grafico delle varie rinnovabili.



Qui sotto vediamo la quantità di energia prodotta da fonte idroelettrica separata dalle altre componenti rinnovabili sommate insieme.


Ciascuna delle rinnovabili



Qui sotto è la quantità di energia termoelettrica rapportata a tutte le rinnovabili





Il grafico seguente, di forte Terna, mostra il ruolo delle componenti nella produzione di energia nei primi 5 mesi dell'anno in corso. Le rinnovabili (idroelettrica + geotermica/eolica/fotovoltaica) valgono il 28,6% (Grafico Terna)


... invece nel solo mese di Maggio le rinnovabili hanno inciso per il 41% della produzione nazionale e, nei primi 5 mesi per il 33,6% .




MondoElettrico è anche su   

.