Veicoli elettrici - mobilità - tecnologie - ambiente - energia rinnovabile. L'esaurimento delle risorse e le conseguenti ripercussioni politiche ed economiche rendono necessario ridurre la dipendenza dall'importazione di prodotti petroliferi e spingere quindi verso lo sviluppo di fonti energetiche alternative. I veicoli elettrici possono utilizzare tecnologie e risorse nel modo più efficiente.


lunedì 11 marzo 2013

Il crollo dei millanta milioni di veicoli/km

Ricorderete il recente post del 3 Marzo Il crollo del traffico autostradale, -7,13% e del 25% per i carburanti nel quale riportavo il fatto che il traffico autostradale fosse diminuito del 7,13% nel 2012 rispetto all'anno precedente. L'unità di riferimento era espressa in veicoli / km ma i dati ufficiali forniti dall'Aiscat, Associazione Italiana Società Concessionarie Autostrade e Trafori, non definivano esattamente quali fossero questi numeri. La curiosità, troppo forte, mi ha spinto ad andare a cercare questi dannati numeri essendo essi la manifestazione esplicita di un altro crollo tra i tanti allarmi già presenti nel nostro Paese. Li ho trovati, li ho messo in fila, i numeri, ed ho realizzato quei grafici indispensabili per capire quale sia l'andamento nel tempo partendo dal 2001 fino ai giorni nostri.
Eccoli qua. Grafici impressionanti. Sono riuscito anche a trovare i dati necessari per suddividere il traffico dei veicoli leggeri, sotto i 35 quintali, ed i veicoli pesanti, ovvero i veicoli di più o meno dichiarata necessità di prossimità da quelli che devono percorrere le lunghe distanze. Nei primi rientrano anche quelli dedicati agli spostamenti individuali nei secondi esclusivamente i mezzi da lavoro, per gli scambi di merci, beni di consumo e durevoli.
Tanto per dare un  peso all'argomento, i numeri di cui si parla sono 76.489.000 di chilometri percorsi in autostrada dai veicoli leggeri e pesanti nel 2012 contro gli oltre 82 miliardi e trecento milioni del 2011.

Il Picco è stato raggiunto nel 2007 con oltre 83,7 miliardi di km.



Visto così, con l'ausilio dei grafici, il crollo delle percorrenze autostradali del 7,13% fa ancora più impressione poiché è evidente che non nasce da una estemporanea casualità contingente ma è la prosecuzione di una caduta repentina e, oserei dire, mortale, pre-agonica. La stessa tendenza che abbiamo visto recentemente in altri grafici che incidono sullo stesso settore e non. Vedasi:

- Consumo energia elettrica - 8,1%
- Consumo gas -18,3 %
- Immatricolazioni auto - 17,4 %
- Il crollo del traffico autostradale -7,13%
- Anche il fatturato industriale crolla (-6,3)%
- L'anno inizia con un altro calo a doppia cifra anche per i veicoli commerciali : gennaio -26%
- Pesante contrazione dei consumi di petrolio, benzina e gasolio in Italia a Gennaio

Ti potrebbe interessare qualche calcolo sugli sprechi (ops, volevo dire consumi) di carburanti e mobilità folle (ops, volevo dire irrazionale) dei nostri giorni? Per questo ti rimando al post intitolato Siamo pazzi, intorno alla Terra 22 milioni di volte! Il consumo di carburante

 .................

MondoElettrico è anche su   

.

3 commenti:

mauriziodaniello ha detto...

Sbaglio o il grafico dei mezzi pesanti corrisponde (in grosso modo) ad quello della produzione?

Ciao

claudio della volpe ha detto...

2007: 83.3
2011: 83.2
2012: 82.3571

82.3571/83.3=0.988

non ho capito questi tre numeri che posti si correlino con le variazioni percentuali; secondo me c'è un errore da qualche parte

Massimo J. De Carlo ha detto...

Maurizio, grosso modo tutti i grafici mostrano questo andamento, un crollo.